Il mio giardino

Età 9-11
Valore Etico&Sociale
Posizione In aula
Argomento Essere responsabili di ciò che facciamo
Panoramica Essere responsabili di ciò che facciamo è l’obbligo o volontà di accettare la responsabilità e di rendere conto delle proprie azioni. Essere responsabili all'età di 9-11 anni aiuta i bambini a pensare alla responsabilità delle proprie azioni prima che queste diventino ancora più grandi. Questo li aiuta a sviluppare i processi decisionali. Inoltre, in questo modo i bambini possono capire la motivazione dietro le proprie responsabilità, e rifletteranno se quella responsabilità è stata assegnata loro oppure se se la sono presa volontariamente. Capire le proprie motivazioni significa capire cosa comporta una certa responsabilità a livello personale, il che dà importanza a seguire quella responsabilità, aiutandoci ad assumerla.
Obiettivi didattici • Capire la differenza tra responsabilità come “dovere di agire” e responsabilità intesta come rendere conto dell’azione fatta o fatta fare. • Valutare la responsabilità delle proprie azioni.
Competenze sviluppate • Sviluppare le competenze per il giardinaggio • Sviluppare capacità analitiche
Metodo Apprendimento esperienziale
Materiali • Diversi tipi di semi • Terriccio • Contenitori di plastica per coltivare le piante • Acqua
Linee guida Assicuratevi che i bambini siano comodi e rilassati e fateli sedere in cerchio.  Avviate una discussione con i bambini sul concetto di responsabilità, aiutandovi con le seguenti domande:
  • Che cos'è la responsabilità?
  • Di che cosa sei responsabile a scuola e a casa?
  • È difficile essere responsabili? Perché?
  • Le responsabilità che hai menzionato prima, le hai scelte tu o ti sono state assegnate da qualcun altro?
  • Perché pensi che queste responsabilità ti siano state assegnate?
  • Avevi mai sentito la parola responsabilità?
  • Per esempio: è responsabile delle sue azioni. Che cosa pensi che significhi?
Se i bambini non conoscono la definizione di responsabilità, spiegate loro che è l’obbligo o volontà di accettare di dover compiere un’azione o di rendere conto delle proprie azioni. Chiedete al gruppo chi comprende questa definizione, e poi chiedete a quel bambino di spiegarla al resto del gruppo, e di fare un esempio. Se i bambini hanno difficoltà a capire il concetto, fate un esempio della loro vita quotidiana (come i compiti a casa o una situazione in cui ammettono di aver fatto qualcosa di sbagliato o quando si offrono volontari per fare un certo compito) oppure di una situazione realmente accaduta nella vostra classe.  
  • C'è differenza tra responsabilità di dover far qualcosa e la responsabilità di rendere conto di quello che si è fatto?
A discussione terminata spiegate ai bambini che saranno coinvolti in un’attività che chiederà molto tempo. Si tratterà di coltivare una pianta. Lasciate che i bambini scelgano quale pianta vogliono coltivare. Offrite loro piante che producono frutti, come pomodori, peperoni, zucchine, melanzane. Il loro compito è quello di documentarsi su che cosa serve a far crescere quella pianta (tipo di terreno, di quanta acqua e luce hanno bisogno, tipi di fertilizzanti non chimici che possono portare da casa come gusci d'uovo, compostaggio, ecc.). Piantate i semi insieme con i bambini in classe. Ogni bambino sarà responsabile della crescita della propria piantina (da seguire preferibilmente in classe). L'obiettivo è arrivare alla raccolta dei frutti della pianta. I bambini possono dare un nome alla loro pianta.   Se la pianta muore indagate sul perché è successo.
  • Il bambino è stato responsabile di ciò o forse il seme era troppo debole?
  Fate lo stesso anche per i bambini che riescono a far crescere un ortaggio.
  • È loro la responsabilità di avere fatto comparire delle deliziose verdure dalla pianta?
  Se le verdure maturano più meno nello stesso periodo, potete preparare un’insalatona e mangiarla tutti insieme. Altrimenti i bambini possono portare a casa le proprie verdure e consumarle in famiglia. Al termine dell’attività, chiedete ai bambini: È possibile distinguere qual era la responsabilità che si erano assunti e in che modo sono stati responsabili delle loro piante?
Consigli Materiali aggiuntivi Come candidarsi online? Che cosa fare a casa? Se volete condurre questa attività online, allora ogni bambino può coltivare la sua pianta da casa. Assicuratevi che prendano nota della crescita della pianta e chiedete ai genitori di non intervenire nella sua cura. Se possibile, scegliete semi e terriccio biologici, per sensibilizzare non solo sull'importanza di mangiare verdure coltivate in modo naturale, ma anche sul tipo di semi che piantiamo. (per esempio: https://www.youtube.com/watch?v=bY2NLqlS9j8)
Autore Marija Kragić, Ivana Kragić
Media

IT_Accountability_9-11_MF

Scarica Scarica

Torna ai materiali didattici